Giro d’Italia – La storia della gara ciclistica più seguita

giro italia

La gara su due ruote tutta italiana comincerà a maggio, ma vediamo insieme i momenti salienti dall’inizio ad oggi.

Il Giro d’Italia è uno degli eventi sportivi più seguiti e sentiti dagli amanti del ciclismo e non. Ma quando è iniziata la corsa per percorrere lo stivale italico? Scopriamolo insieme.

Era il 13 maggio 1909 quando, nel capoluogo lombardo, 130 impavidi uomini in sella alle loro bici si accingono, appena all’alba, a percorrere quasi 2300 km suddivisi in otto tappe. Il vincitore del primo Giro sarà Luigi Ganna.

Le gare successive sono state un susseguirsi di volti di uomini che hanno fatto la storia, con i loro sprint, le loro volate, le loro sofferenze fisiche ma anche gioie. Gli amanti del Giro d’Italia aumentavano di anno in anno, il consenso dilagava da Nord a Sud.

Alfredo Binda fu l’emblema del tour italiano del dopoguerra. Vinse nel 1925, nel 1928, nel 1929 e, infine, nel 1933; verrà battuto solo da Eddy Merckx e da Fausto Coppi.

E proprio quest’ultimo, insieme a Gino Bartali, hanno fatto la storia del Giro d’Italia. Le loro sfide su due ruote hanno infiammato il pubblico, ormai in delirio. Bartali vinse nel 1936 e l’anno successivo, mentre Coppi ottenne la vittoria nel 1940. Gli anni ’40 e ’50 li videro, insomma, protagonisti dello scenario sportivo italiano.

La maglia rosa, introdotta solo nel 1931, era sicuramente quella più ambita, ma anche quella ciclamino (1970) per chi era in vetta alla classifica a punti o quella verde (1974) per il miglior scalatore. Nel 1980 viene istituita la maglia azzurra, sostituita da quella che oggi premia il miglior giovane.

Gli anni ’60 vedono la nascita della stella di Eddy Merckx che, come già detto prima, vinse ben cinque edizioni del Giro. I successivi tre decenni vedono altri eroi-ciclisti: Saronni, Moser, Hinault e Indurain.

Il “Pirata” Marco Pantani diventa il protagonista assoluto del Giro d’Italia del 1998. Grande risonanza e commozione, infatti, si ebbe alla notizia della sua tragica e prematura scomparsa avvenuta nel 2004.

Il Giro d’Italia non ha ospitato molti ciclisti stranieri, che hanno da sempre preferito il Tour de France. Gli ultimi stranieri a vincere il Giro d’Italia sono stati il russo Menchov nel 2009 e lo spagnolo Contador nel 2008, 2011 e 2015.

Il canadese Ryder Hesjedal vince il Giro del 2012; quello del 2014 lo vince il colombiano Nairo Quintana. L’ultimo Giro d’Italia, nel 2016, ha visto il trionfo del siciliano Vincenzo Nibali.

Dal 5 al 28 maggio prossimi, in 21 tappe, si svolgerà il Giro d’Italia 2017. Sono oltre 3500 i km previsti; si parte da Alghero, in Sardegna, per arrivare a Milano in Piazza Duomo. La decima tappa sarà quella decisiva: i ciclisti in gara dovranno percorrere circa 40 km di colline intorno a Foligno.

 

 

Author: Andrea Pontone

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *